Penale

Il saluto romano costituisce reato se vi è pericolo concreto di riorganizzazione del PNF

La Suprema Corte di Cassazione a Sezioni Unite ha affrontato e risolto la questione delle condizioni alle quali il “saluto romano” e “la chiamata del presente” tipiche manifestazioni fasciste possono ancora costituire reato ai sensi della Legge Scelba art. 5 Legge n. 645/1952 ovvero della Legge Mancino art. 2, comma 1 DL n. 122/1993. Il Tribunale di Milano aveva ritenuto la sussistenza dell’elemento materiale del reato contestato (Legge Mancino) ma assolto tutti gli imputati ai sensi dell’art. 5 del codice penale ritendo che versassero in una condizione di ignoranza inevitabile della legge penale come indicato dalla Corte costituzionale con la

Leggi di più »

Nel giudizio immediato anche dopo la richiesta di abbreviato si può accedere al patteggiamento

In  questa sentenza appena depositata della Quinta Sezione Penale (Est. Sessa), è stato (ri)affermato il principio di diritto secondo il quale nel giudizio immediato anche dopo la richiesta di abbreviato anche cd secco, la difesa può chiedere il patteggiamento fino a quando il giudice non abbia formalmente ammesso il rito (non essendo preclusivo in alcun modo il decreto che fissa l’udienza). Tale pronuncia riguardava una questione precedente alla cd Riforma Cartabia dopo la quale, se possibile, il principio è ancora più solido stante la previsione dell’obbligo per il giudice di fissare “in ogni caso” l’udienza camerale per la valutazione di

Leggi di più »

La costituzione di parte civile in presenza dell’accordo sulla pena

La Sesta Sezione Penale ha opportunamente rimesso alle Sezioni Unite una questione che negli ultimi mesi viene effettivamente decisa in modo difforme. La questione è se una volta intervenuto l’accordo sul patteggiamento il danneggiato possa costituirsi parte civile e nel caso debbano essere liquidate le spese. Nel caso in esame la costituzione di parte civile era avvenuta in udienza preliminare e solo in quella sede il danneggiato era stato informato dal GUP che tre giorni prima era stato depositato in cancelleria un accordo tra PM e imputato per l’applicazione della pena ex art. 444 c.p.p. La questione sarà decisa dalle

Leggi di più »

Sentenza di patteggiamento e ricorso per Cassazione

Invio in allegato questa ordinanza della VII Sezione Penale che ha dichiarato inammissibile il ricorso del PG avverso una sentenza di patteggiamento. Il PG si doleva della erronea qualificazione del fatto per il riconoscimento della attenuante del fatto di minore gravità a fronte di una imputazione per come risultava testualmente formulata, di violenza sessuale da parte del marito in danno della moglie consistita in una penetrazione completa mentre la stessa si divincolava e piangeva. In ragione della predetta attenuante il patteggiamento veniva ritenuto ammissibile e congruo l’aumento in continuazione per quel reato pari a 1 mese di reclusione. Tale ordinanza

Leggi di più »

Il potere di impugnazione del Procuratore Generale e l’acquiescenza del Procuratore della Repubblica ex art. 593-bis cpp

In attesa dell’auspicata soppressione del potere di appellare le sentenze da parte del PM (resti solo in ricorso in cassazione e solo per violazione di legge) una importante sentenza che regola i rapporti tra Procuratore Generale e Procuratore della Repubblica senza peraltro eliminare la possibilità che vengano presentate due impugnazioni, in considerazione del fatto che residua sempre quella completamente libera (anche se il Procuratore Capo presta acquiescenza) del magistrato del PM che ha presentato le conclusioni in primo grado assicurata da norma codicistica ex art. 570 c.p.p. espressione della autonomia del singolo magistrato come prevista dall’art. 53 c.p.p. (non so

Leggi di più »

Rinvio pregiudiziale alla Corte di cassazione ex art. 24-bis c.p.p.

In questa prima pronuncia edita della Suprema Corte vengono definiti obblighi del Giudice e oneri delle parti (queste in caso di eccezione di incompetenza devono chiedere contestualmente la remissione, in caso contrario la questione sulla competenza non può essere riproposta) in caso di sollevazione della richiesta di rinvio pregiudiziale alla Cassazione per la soluzione della competenza territoriale ex art. 24-bis c.p.p. introdotto dalla cd Riforma Cartabia. Filippo Poggi Allegati File Dimensione del file Cass. sez. I 15.05.2023 n. 20612 rinvio pregiudiziale alla Cassazione per la questione di competenza territoriale 305 KB

Leggi di più »

Limiti di attività professionale del praticante avvocato e modalità di impugnazione del richiamo verbale (provvedimento non disciplinare)

In questa interessante sentenza del CNF vengono affrontati i temi dei limiti dell’attività professionale del praticante avvocato alle luce della normativa della nuova LPF (solo patrocinio sostitutivo del dominus per alcuni organi giudiziari tra cui non rientra il TAR) e le modalità di impugnazione del richiamo verbale che è un provvedimento non disciplinare ma che comunque può sempre essere impugnato avanti il CNF se emesso dopo il dibattimento e con opposizione al CDD se emesso nella fase preliminare. Notare che la sentenza del CNF è intervenuta quasi cinque anni dopo quella del CDD. Con un termine prescrizionale massimo di 7

Leggi di più »

Il cd codice rosso alla prova dei fatti ed altre note a margine

Le sentenze della Corte Edu con cui lo Stato italiano è condannato a causa degli erronei processi decisionali e motivazionali di tribunali e corti d’appello, nei casi di reati di violenza sessuale e violenza di genere contro le donne, non rappresentano più, ormai, casi isolati, ma un vero e proprio filone giurisprudenziale di Strasburgo. Seguendo quest’ultimo, ci troviamo a constatare una diffusa malpractice giudiziaria, che tende a fallire la ricostruzione e il verdetto processuale e, in molti casi, anche la protezione delle vittime in sede cautelare, a causa di pregiudizi e stereotipi sulle donne e sul ruolo al quale esse

Leggi di più »

Connessione obiettiva con un reato

In allegato l’ordinanza delle Seconda Sezione Civile che tratta di una questione che dovrebbe essere pacifica ma che nella pratica risulta abbastanza negletta, la pregiudizialità penale prevista dall’art. 24 della Legge n. 689/1981 in tema di sanzioni amministrative presupposto logico giuridico del reato (connessione obiettiva con un reato). Nel caso esaminato dalla Suprema Corte, a seguito di una ipotesi di omicidio stradale all’imputato era stata contestata anche una violazione al cds che lo stesso aveva impugnato avanti al Giudice di Pace che si era dichiarato incompetente ai sensi dell’art. 24; in seguito era proposto appello dalla autorità amministrativa ed il

Leggi di più »

Esame del CT della Difesa

Il CT della Difesa va sempre sentito in dibattimento ove richiesto restando del tutto irrilevante il contegno che abbia tenuto nel corso della perizia né potrebbe mai bastare l’acquisizione del suo elaborato scritto in difetto dell’esame in contraddittorio senza il quale la sentenza è nulla (nullità quantomeno a regime intermedio). Filippo Poggi Allegati File Dimensione del file Cass. sez. II 19.03.2022 n. 19134 Di Noia Esame del CT della Difesa 938 KB

Leggi di più »

Riforma Cartabia: il punto di vista della Procura Generale presso la Suprema Corte di Cassazione

Segnalo ad una primissima veloce lettura: iscrizione nel registro notizie di reato, sufficienza di nome e cognome per iscrivere a mod. 21 (individuazione e generalizzazione pag. 11). In caso di iscrizione a modello 45 è confermato il potere di cestinazione del pm senza passare dal vaglio del Gip a meno che la persona offesa non abbia sollecitato che l’esposto venga definito del Gip (pag. 14) il quale comunque non potrebbe esonerarsi dal controlla sull’inazione (pag. 14). Il controllo del Gip sulla omessa iscrizione che può avvenire ogniqualvolta deve compiere un atto del procedimento (pag. 15) restando comunque esclusa la possibilità

Leggi di più »

L’apposizione di un termine per l’esecuzione di un adempimento economico in favore della parte civile connesso alla sospensione condizionale della pena

Le Sezioni Unite Penale della Suprema Corte (Pres. Bricchetti) hanno stabilito che in caso di mancata apposizione di un termine da parte del giudice per l’adempimento di un risarcimento in favore della parte civile non possa essere revocata la sospensione condizionale prima che il PM abbia chiesto al Giudice dell’Esecuzione di apporre il termine non apposto dal giudice della cognizione. In mancanza il termine per l’adempimento di deve considerare fissato entro rispettivamente 5 o 2 anni dal passaggio in giudicato della sentenza di condanna. L’apposizione di un termine può essere apposto anche dal giudice di appello ex officio. Invio anche

Leggi di più »

Atti sessuali con minore, attenuante e sospensione ordine di esecuzione

La Prima Sezione Penale della Suprema Corte ha ribadito l’orientamento secondo il quale l’ordine di esecuzione per il reato di cui all’art. 609-quater non può essere sospeso neppure quando ricorra l’attenuante del fatto di minore gravità in ragione della natura della persona offesa il che rende legittimo l’opzione opposta nel caso di violenza sessuale di minore gravità ex art. 609-bis del codice penale:  in conseguenza è stata annullata l’ordinanza della Corte di Appello di Bologna che aveva a sua volta annullato l’ordine di esecuzione emesso dalla Procura Generale. Devo dire che questa interpretazione non mi convince affatto se non altro

Leggi di più »

Revirement (anzi, ritorno all’antico) della Suprema Corte di Cassazione – Le garanzie dell’art. 103 cpp si estendono anche se il legale è indagato

La Seconda Sezione Penale con questa splendida sentenza emessa da un collegio presieduto da un grande giurista come Piero Messini D’Agostini, ha nitidamente scolpito il principio di diritto per cui la funzione difensiva non sarebbe tutelata, con conseguente inevitabile vulnus dell’art. 24 Cost., se le garanzie previste dall’art. 103 c.p.p. (autorizzazione del Giudice, avviso al Presidente del COA, presenza personale del magistrato durante le operazioni di perquisizione e sequestro) non fossero operanti nel caso in cui lo stesso difensore è indagato o imputato, riprendendo l’insegnamento dell’unica pronuncia delle SU Penali in materia ossia la sentenza SU 12/11/1993 Pres. Brancaccio –

Leggi di più »

Guida in stato di ebbrezza sostituzione della pena ex art. 186, comma 9-bis cds e esecuzione della sanzione amministrativa

In questa sentenza appena depositata della Quarta Sezione Penale la Suprema Corte ha confermato la sentenza del GIP di Ravenna che applicando la pena per guida in stato di ebbrezza convertita in lavoro di pubblica utilità ha disposto la sospensione dell’esecuzione della sanzione amministrativa della patente di guida per la durata della metà rispetto a quanto determinato (ovvero la porzione che non dovrà essere eseguita in caso di positivo svolgimento del lavoro di pubblica utilità). La sentenza non convince anche perché sembra dare per scontato che la statuizione di condanna non possa essere modificata: la norma prevede che il lavoro

Leggi di più »

Obbligo di dimora e legittimo impedimento – Impugnazione del rigetto di revoca sequestro probatorio

In allegato la sentenza della Quinta Sezione Penale che afferma perentoriamente che anche in caso di obbligo di dimora spetta al giudice procedente assicurare la presenza dell’imputato in udienza disponendo anche di ufficio le necessarie autorizzazioni, diversamente l’imputato è da considerare legittimamente impedito con nullità della sentenza. E’ stata rimessa dalla Terza Sezione Penale alle Sezioni Unite la questione della mancanza di un rimedio in caso di richiesta di revoca del sequestro probatorio presentato nella fase dell’udienza preliminare: le Sezioni Unite si pronunceranno il 26/1/2023 per stabile se l’interessato possa presentare appello ovvero ricorso per cassazione. Filippo Poggi Allegati File

Leggi di più »

Revoca o sostituzioni delle misure cautelari e facoltà di intervento/impugnazione della persona offesa

Le Sezioni Unite della Suprema Corte con la sentenza depositata oggi (Presidente Bricchetti Estensore Aprile) hanno stabilito, aderendo all’orientamento in giurisprudenza minoritario, che in caso di revoca o sostituzione della misura cautelare applicata per reati commessi con violenza alla persona, fermo restando che la richiesta è inammissibile ove non previamente notificata alla persona offesa ovvero al suo difensore nominato, una volta che tale notifica sia stata effettuata regolarmente, non è nulla l’ordinanza del Giudice che provveda senza attendere i due giorni concessi alla persona offesa per fare pervenire memorie e di conseguenza è inammissibile il ricorso per cassazione della persona

Leggi di più »

Dolo nel tentato omicidio

E’ stata confermata la sentenza di condanna emessa dal GUP di Forlì e confermata dalla Corte di Appello censurata in Cassazione quanto al ritenuto dolo di tentato omicidio che invece era stato correttamente ritenuto sulla base del fatto che l’animus necandi deve essere in primo luogo accertato tramite l’idoneità degli atti con una prognosi formulata ex post. Filippo Poggi Allegati File Dimensione del file Cass. sez. I 24-06-2022 n. 31598 Tentato omicidio 165 KB

Leggi di più »

Modalità di rinuncia alla prescrizione

La Suprema Corte di Cassazione ha annullato la sentenza della Corte di appello di Bologna che de plano aveva dichiarato la prescrizione del reato senza tenere conto che in atti vi era atto di formale rinuncia alla prescrizione. Quanto alle modalità di presentazione di tale atto di rinuncia la Corte ricorda che la dichiarazione diventa irrevocabile una volta portata alla conoscenza del Giudice se la prescrizione è già maturata, mentre se il termine di prescrizione non è ancora decorso tale dichiarane è inefficace fino al maturarsi di detto termine e nel frattempo può essere revocata. La dichiarazione può essere formulata

Leggi di più »

Truffe online e luogo di consumazione del reato

La Suprema Corte in accoglimento del ricorso della difesa ha annullato la sentenza del Tribunale di Ravenna e della Corte di Appello di Bologna disponendo la trasmissione degli atti al PM. La competenza territoriale nelle truffe on line si radica nel luogo in cui l’imputato consegue il profitto e non nel luogo in cui la persona offesa effettua la disposizione patrimoniale. L’orientamento si è consolidato dal 2016, spiace constatare come un certo incaponimento dei giudici di merito abbia condotto alla dichiarazione di incompetenza territoriale solo in Cassazione con ormai sicura prescrizione del reato. Filippo Poggi Allegati File Dimensione del file

Leggi di più »